La Polizia di Stato ha concluso una complessa attività di indagine coordinata dalla Dda di Roma ed in collaborazione con Europol contro la pedopornografia online. L’attività investigativa degli agenti del Cncpo ha permesso di scoprire un marketplace dell’illecito con attività illegali di ogni genere, luogo virtuale dove le comunità pedofile scambiano informazioni per reperire “materiale di nuova produzione”. I poliziotti, a seguito di numerose perquisizioni informatiche, per la prima volta hanno anche eseguito il sequestro di 11mila wallet di criptmoneta (soldi virtuali). Individuato un cittadino italiano considerato il gestore del più gettonato marketplace di traffici illeciti del “deep web”, il web nascosto ai tradizionali motori di ricerca. Sul portale scoperto dalla polizia, si vendevano anche ami, passaporti di diverse nazionalità, di documenti di identità, carte di credito e  buoni pasto falsi, carte pay tv satellitari, servizi di hacking. La piattaforma del commercio illegale ospitava anche circa 210 venditori di droga, gestiti da un servizio web denominato “Pablo Escobar”. Sono 170 mila i soggetti che hanno effettuato transazioni su questo mercato del commercio illegale. (Notizia su AGI, Adnkronos, La Repubblica, Affari Italiani)

 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.