Papa Bergoglio

Papa Francesco

Dopo le tappe in Ecuador e Bolivia e l’arrivo in Paraguay, si è chiusa ieri ad Asuncion la visita di Papa Francesco in Sudamerica. Oltre un milione di persone ha affollato il parco di Nu Guasu, ad Asuncion, per partecipare all’ultima messa celebrata dal Pontefice durante questo viaggio. Fin dalla giornata precedente circa 150mila persone avevano raggiunto il parco nella capitale del Paraguay per trovare un buon posto da cui vedere e ascoltare la messa a cui era presente anche la Presidente argentina Kristin Kirchner, oltre al presidente del Paraguay, Horacio Cartes. In precedenza, nella sua omelia, il Papa aveva esortato i fedeli all’ospitalità che “è una delle caratteristiche fondamentali della comunità credente”. “Tante volte ci dimentichiamo che c’è un male che precede i nostri peccati. C’è una radice che causa tanti ma tanti danni, che distrugge silenziosamente tante vite. C’è un male che, poco a poco, si fa un nido nel nostro cuore e ‘mangia’ la nostra vitalità: la solitudine”, ha detto il Papa durante l’omelia. “Una cosa è certa – ha aggiunto – non possiamo obbligare nessuno a riceverci, ad ospitarci; è certo ed è parte della nostra povertà e della nostra libertà. Ma è altrettanto certo che nessuno può obbligarci a non essere accoglienti, ospitali verso la vita del nostro popolo”. (Notizia su AGI, Corriere della Sera, La Repubblica, RaiNews, Tgcom24, Radio Vaticana)

 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.