Gianna Nannini

Gianna Nannini

Il Gup di Milano, Fabio Antezza, ha accolto la richiesta di patteggiamento della cantante, Gianna Nannini, nel procedimento che la vede accusata di una presunta evasione fiscale da 3 milioni e 750 mila euro. L’accordo prevede un anno e due mesi di reclusione con la sospensione condizionale della pena e la non menzione nel casellario giudiziale. Per quanto riguarda la sua posizione con il fisco, la rockstar si è impegnata a versare 4,3 milioni all’erario, di cui circa metà della cifra sarebbe già stata corrisposta o sarebbe comunque in corso di trasferimento. La cantante senese è imputata per un reato che risale al periodo tra il 2007 e il 2012, quando, secondo l’accusa, avrebbe girato i guadagni ricavati dai concerti e dagli album a una società di diritto irlandese e a una olandese, sfruttando la più leggera pressione fiscale dei due Paesi in cui le società hanno sede. I pubblici ministeri sostengono che parte del flusso di denaro tra le case discografiche Sony e Universal e la srl di sua proprietà, la Gng Musica, sia stato così sottratto al fisco italiano. (Notizia su La Repubblica, Corriere della Sera, La Stampa, Il Fatto Quotidiano, Affari Italiani, Quotidiano.net, Tgcom24, RaiNews)

 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.