Papa Francesco

Papa Francesco

Papa Francesco torna a denunciare il martirio dei cristiani nel mondo e lo fa nel giorno in cui la Chiesa celebra i santi Pietro e Paolo, patroni di Roma e martiri. “Atroci, disumane e inspiegabili persecuzioni” contro i cristiani sono “ancora oggi presenti in tante parti del mondo” e “spesso sotto gli occhi e nel silenzio di tutti”. Ma “noi cristiani dobbiamo essere attenti a non essere dei morti che si pensano vivi”. Il Pontefice ha parlato delle difficoltà della Chiesa e delle persecuzioni che nei secoli ha dovuto affrontare: “Quante forze, lungo la storia – ha detto il Papa – hanno cercato, e cercano, di annientare la Chiesa, sia dall’esterno sia dall’interno, ma vengono tutte annientate e la Chiesa rimane viva e feconda, rimane inspiegabilmente salda”. “Tutto passa – h aggiunto Francesco – solo Dio resta; sono passati regni, popoli, culture, nazioni, ideologie, potenze, ma la Chiesa, fondata su Cristo, nonostante tante tempeste e molti peccati nostri, rimane fedele al deposito della fede nel servizio”. (Notizia su AGI, Adnkronos, La Repubblica, Corriere della Sera, Il Fatto Quotidiano, Il Messaggero, Quotidiano.net, RaiNews)

 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.