Maurizio Martina

Maurizio Martina, ministro per le Politiche Agricole

La Commissione dell’Unione Europea ha inviato una diffida all’Italia per chiedere la fine del divieto di detenzione e utilizzo di latte in polvere, latte concentrato e latte ricostituito per la fabbricazione di prodotti lattiero caseari. E’ quanto rende noto il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo, denunciando i contenuti della lettera di costituzione in mora appena inviata dal Segretariato generale della Commissione Europea al Governo italiano. L’Italia, a differenza di altri Paesi, ha una legge severa che impone di fare tutti i formaggi usando il latte vero, e proibisce l’uso dei succedanei. “Siamo di fronte all’ultimo diktat di una Europa che tentenna su emergenze storiche come l’emigrazione, ma che è pronta ad assecondare le lobby che vogliono costringerci ad abbassare gli standard qualitativi dei nostri prodotti alimentari difesi da generazioni di produttori”, ha affermato Moncalvo. Duro il commento anche del ministro per le Politiche Agricole, Maurizio Martina: “Su formaggi e latte in polvere no a diktat UE. Noi continuiamo a difendere la qualità italiana”. “Difenderemo fino in fondo la qualità del sistema lattiero caseario italiano e la trasparenza delle informazioni da dare ai consumatori”. “Non siamo disposti a fare passi indietro su questi principi”, ha concluso. (Notizia su AGI, La Stampa, Il Secolo XIX, RaiNews)

 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.