E’ stato effettuato in Italia, a Milano, il primo trapianto d’organo da donatore samaritano, cioè da una persona disposta a donare gratuitamente in vita un organo senza conoscere il destinatario. L’intervento è avvenuto a Milano e la donatrice è una donna che ha messo a disposizione un suo rene. Per effetto della catena di “cross over”, sono stati poi trapiantati cinque reni a coppie incompatibili, come ha fatto sapere il ministero della Salute.“Si tratta – spiega il dottor Piero Bretto, responsabile del reparto Chirurgia dei Trapianti Renali presso l’ospedale Molinette di Torino – di una sorta di catena di Sant’Antonio dove il donatore che non poteva donare l’organo al parente malato per incompatibilità, ha il compito, in base al protocollo stabilito da Centro Nazionale Trapianti, di offrirlo a un terzo. Questo, a sua volta, che doveva ricevere l’organo da un parente, lo ottiene dal congiunto del primo trapiantato e così via fino ad altri interventi in successione”. (Notizia su Ansa, La Repubblica, La Stampa, Corriere della Sera, Tgcom24)

 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.