Giovani consigliere comunali travestite da prostitute per “attirare” clienti e denunciare, insieme con il loro sindaco, l’abbandono e il degrado ambientale sulla statale Domiziana, nel Casertano. E’ la singolare provocazione messa in atto dal sindaco di Castel Volturno, Dimitri Russo, con la collaborazione delle consigliere Anastasia Petrella e Stefania Sangermano, per protestare contro lo stato di isolamento del suo Comune rispetto ai problemi che soffocano un territorio conosciuto ormai come parte della “Terra dei fuochi”, luogo di dilagante prostituzione e spaccio di droga. Nel video, ripreso dal primo cittadino e pubblicato online con l’hashtag #siamosoli, si vedono le due consigliere che, “travestite” da lucciole, aspettano sulla via Domiziana che qualche automobilista si fermi per patteggiare una prestazione sessuale. A quel punto salta fuori il sindaco, Dimitri Russo, che con tanto di fascia tricolore “sensibilizza” il cittadino sul problema. Sono stati in tanti alla fine a finire multati dalla polizia municipale, appostata a duecento metri più avanti per far rispettare a suon di sanzioni l’ordinanza anti-prostituzione firmata dallo stesso sindaco due mesi fa. “Ho fatto tuo questo perché mi auguro che il mio Comune abbia attenzione vera, perchè qui non è come altrove – ha commentato Russo – Qui siamo in una terra ribattezzata ‘Terra di Gomorra’, ‘Terra dei fuochi’. Una terra degli ultimi, dove non servono tanti poliziotti per un mese, ma dieci poliziotti o carabinieri in più di quelli che ci sono, ma per sempre. Mi ascoltino, a Roma”. (Notizia su Ansa, Il Mattino, Il Secolo XIX, RaiNews oppure guarda video-notizia su La Repubblica, Corriere della Sera)

 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.