Centrale Tirreno Power

Centrale Tirreno Power di Vado Ligure

Il presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, e l’assessore all’Industria, Renzo Guccinelli, sono indagati per concorso in disastro ambientale nell’ambito dell’inchiesta della procura di Savona sulla centrale elettrica Tirreno Power di Vado Ligure. Secondo quanto riferiscono gli organi di stampa, il numero degli indagati nell’inchiesta sarebbe salito a 45, coinvolgendo anche politici e dirigenti amministrativi. La centrale era stata chiusa nel marzo del 2014 per ordine del tribunale di Savona, dopo che dalle verifiche effettuate dai consulenti del Ministero dell’Ambiente e della Procura era emerso che non erano stati rispettati i limiti imposti dall’Autorizzazione Integrata Ambientale sulle emissioni. Per il GIP che dispose il sequestro ci fu un nesso di causalità tra le emissioni e le morti e le patologie di residenti della zona e lavoratori dell’impianto. Secondo la procura di Savona i fumi della centrale avrebbero causato 442 morti tra il 2000 e il 2007. “Non so nulla di questa indagine, non ne sono a conoscenza – ha commentato Burlando – E’ difficile commentare. La notizia mi è stata comunicata ieri sera dal giornalista che se ne è occupato e l’ho letta stamattina sul giornale. Non ho altre informazioni a riguardo, non sono mai stato sentito né o mai ricevuto una comunicazione formale”. (Notizia su Ansa, La Repubblica, Il Sole 24 Ore, Il Fatto Quotidiano, Il Secolo XIX)

 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.