VinoVendevano bottiglie di Brunello e Rosso di Montalcino ma con all’interno vino di modesta qualità. La Guardia di finanza di Siena, grazie alla segnalazione del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, ha scoperto una frode a danno dell’immagine di una delle Docg nazionali più famose nel mondo. Sequestrati oltre 160.000 litri di vino e 2.350 contrassegni di Stato. Il valore del prodotto sequestrato è di un milione di euro. Coinvolto nella frode anche un enologo di svariate aziende agricole di Montalcino, che è stato denunciato per frode in commercio, accesso abusivo a un sistema informatico, appropriazione indebita aggravata e continuata e reati di falso. Secondo le accuse, l’uomo, coadiuvato da collaboratori a vario titolo e con diverse funzioni nell’ambito dell’intera filiera, sarebbe riuscito ad entrare in possesso di documentazione e materiale originale attestante la Docg (contrassegni di Stato, documenti di trasporto, fatture etc.) e a riprodurlo in modo perfetto. (Notizia su AGI, TMNews, Il Messaggero, Quotidiano.net, La Nazione)

 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.