Mano bionica con senso del tatto

Mano bionica “tattile” testata al Policlinico Gemelli

Una protesi della mano che percepisce il senso del tatto e tramite le terminazioni nervose lo trasmette al cervello è stata realizzata e stata testata con successo in Italia: si tratta della LifeHand 2 frutto della collaborazione tra la svizzera Epfl e la Scuola Sant’anna di Pisa. Un danese di 36 anni, Dennis Aabo Sørensen, da anni senza la mano per un incidente, è diventato il primo amputato al mondo a “percepire informazioni sensoriali raffinate e quasi naturali, in tempo reale”. L’arto è stato testato nel marzo 2013 durante al Policlinico Gemelli di Roma e i risultati sono stati pubblicati ora sulla rivista internazionale Science Translational Medicine. “Il feedback sensoriale è stato incredibile”, ha commentato Aabo Sørensen, “Ho potuto toccare cose che non ero riuscito a sentire in oltre nove anni”. (Vai al comunicato della Scuola Superiore Sant’Anna o notizia su Ansa, AGI, La Repubblica, Il Messaggero, La Nazione, Corriere del Ticino)

 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.